Foibe

Il problema delle foibe è da oltre sessant'anni motivo di polemiche particolarmente aspre.

In estrema sintesi si può dire che da una parte (la destra, il clero, e in generale i settori moderati dell'opinione pubblica) si è ripetutamente accusata la sinistra (in particolare quella comunista) di aver taciuto sulle responsabilità jugoslave in merito all'infoibamento di moltissimi italiani - fascisti e non - e addirittura di aver contribuito attivamente a questa infamia.

Le sinistre, viceversa, hanno mantenuto in genere un atteggiamento ondivago: c'è chi ha ottusamente negato l'esistenza stessa del fenomeno, chi - soprattutto in anni recenti - si è sentito in dovere di fare pubblica ammenda, magari senza sapere bene di cosa stava parlando, e chi ha lavorato seriamente per mettere a fuoco i vari risvolti di queste drammatiche vicende.

L'Istituto Regionale del FVG per la Storia del Movimento di Liberazione ha svolto in questo senso un ruolo importante e di grande serietà scientifica, anche se, purtroppo, non con la stessa efficacia mediatica delle varie pubblicazioni e iniziative che hanno visto come protagonisti esponenti della destra e giornalisti a caccia di sensazionalismi.

Una ricercatrice in particolare, Claudia Cernigoi, ha studiato a fondo la questione delle foibe fornendo nuovi e decisivi elementi, sia dal punto di vista della definizione delle responsabilità che da quello del contesto storico-politico, oltre che, naturalmente, rispetto ai due quesiti cruciali: chi è stato infoibato? Quante sono state le vittime?


Il primo risultato di questo accurato lavoro è stato il libro Operazione foibe a Trieste. Tra storia e mito. Ovvero, come si crea una mistificazione storica: dalla propaganda nazifascista attraverso la guerra fredda fino al neoirredentismo. Qui pubblichiamo integralmente la prima stesura del libro, di cui nel 2005 è uscita una seconda edizione per i tipi della Kappa Vu.

Data la complessità dell'argomento, inevitabilmente la ricerca è stata dettagliata, addirittura minuziosa, perché comportava un controllo incrociato di fonti variamente attendibili, di elenchi spesso manipolati, e quindi la lettura talvolta diviene impervia.
Anticipiamo quindi quelle che sono le conclusioni del libro, che non necessariamente condividiamo del tutto, e che comunque non potranno non sembrare sconcertanti per chi abitualmente sente parlare di "migliaia di italiani infoibati":



1) nella provincia di Trieste non si può assolutamente parlare di “genocidio” per 517 persone di etnie diverse arrestate per motivi politici e poi, alcune giustiziate altre morte di malattia nei campi;

2) non vi furono massacri indiscriminati: della maggior parte degli arrestati si sa che erano militari o comunque collaboratori del nazifascismo;

3) le persone realmente “infoibate” risultano essere una quarantina; (?)

4) di processi contro gli “infoibatori” e persone accusate di “delazione” nei confronti degli “scomparsi” se ne sono svolti un’ottantina e non si possono riprocessare le persone per gli stessi reati, né processare altri per reati dei quali si sono già condannati i colpevoli;

5) se vi furono delle vendette personali, di questo non si può rendere responsabile un intero movimento di liberazione, né creare un caso politico che dura da cinquant’anni.

Un altro importante passo avanti nella definizione di una seria ricostruzione storiografica lo si è avuto in seguito ad una vicenda giudiziaria: sentendosi diffamato da alcune affermazioni contenute nel libro di Cernigoi, un magistrato ha fatto causa all'autrice e all'editore, ma nel luglio 2005 la Corte d'Appello di Trieste ha confermato la precedente sentenza che respingeva le richieste del querelante.



"Ecco che cosa significa parlare delle foibe: chiamare in causa il complesso di situazioni cumulatesi nell'arco di un ventennio con esasperazione di violenza e di lacerazioni politiche, militari, sociali concentratesì in particolare nella fase più acuta della seconda guerra mondiale." Così lo storico Enzo Collotti a proposito di un altro importante libro: Giacomo Scotti, Dossier Foibe, Manni, 2005.



Operazione foibe La sentenza di Trieste
La storiografia Dibattito
ANPI nazionale Bibliografia

Naturalmente, data la complessità dell'argomento, cercheremo di ampliare la documentazione e di fornire un quadro più articolato.